giovedì 8 settembre 2011

la bella addormentata

Rimanendo in tema di fiabe molto conosciute, ci sarebbe da parlare un secondino della Bella Addormentata nel Bosco. Questa cosa devo averla già scritta da qualche parte in passato, ma è in tema, dunque riporto.

Allora, la storia è arcinota.
Nasce una bella principessa in un regno lontano lontano,che chiameremo Aurora come nel film Disney (ma nella tradizione originale è Rosaspina).

Il giorno della nascita riceve dei doni da alcune buone fatine, e una maledizione dalla strega cattiva. Per quanto si faccia, la maledizione fa il suo corso fino all'arrivo dell'onnipresente principe che la bacia e la salva.


OK.

Allora. Prima di tutto, il giorno è quello del battesimo, non della nascita, perchè questo è il rito durante il quale le Madrine porgono doni alle proprie protette (e perchè altrimenti non si sipega come la Regina potesse presenziare alla cerimonia, bella, algida, riposata e vesitita come si conviene al suo ruolo!!!!!). Le fatine buone fanno alla piccola Aurora dei doni molto algidi, molto aulici se vogliamo. La bellezza, il bel canto..... ma all'improvviso, ecco! La strega Malefica interrompe non invitata gli edificanti volteggiamenti delle fate e porge il suo proprio dono. Prima che tu compia 16 anni, mia cara, verrai punta da un fuso e spillerai una goccia di sangue. A quel punto, morirai!! Alla terza fatina, non resta che mitigare questo terribile destino, decretando che non morirà, la giovane principessa, ma cadrà come morta e tale rimarrà fino a che "l'amor ti bacerà".

Orrore, panico, tragedia.
Il Re fa bruciare tutti gli arcolai, la bimba viene affidata alle sue madrine per difenderla da questo destino orribile.

Ma è poi davvero un destino tanto orrendo?
Cosa fa spillare una goccia di sangue a una bambina prima che compia 16 anni?
E che tipo di sangue spilla, così potente da far morire la bambina stessa?
E quale potere mai può risvegliare quella stessa persona - che non è più bambina, perchè la bambina è morta?

Dai!!
Ci siamo passate tutte, anche se non siamo rimaste distese 100 anni su un letto in un castello avvolto da un impenetrabile groviglio di rovi!!
Sono le mestruazioni!!
Le mestruazioni sono il sangue che fa morire la bambina che ogni donna è stata!!

La verità dunque è che la strega fa ad Aurora l'unico dono che abbia veramente un senso: le regala la ciclicità del tempo femminile. Le regala la possibilità di crescere. Le regala il passaggio allo stadio successivo della vita di una donna, quello di Madre (che ovviamente non sarebbe possibile senza la luna del sangue!)

Il povero Re Stefano, ommioddio, cerca in tutti i modi di fare che questo non accada!!
Quale padre non desidera la propria figlia sempre bambina e pura, seduta sulle sue ginocchia a cantare con voce da usignolo tutto l'amore che prova per lui? Ma il destino di una donna è un'altro. E' quello di abbandonare il padre per un amore di tipo diverso.

E il destino si compie: il principe arriva e come già per la sua collega Biancaneve, un bacio risveglia la nostra Bella Addormentata alla vita che l'attende.

E non dimentichiamo che c'era già stato un abboccamento, nel bosco, tra i due. Ma era un amore puro e privo di passione (una cantatina, un casto abbraccio...), perchè Aurora non aveva ancora spillato sangue...


Ed il risveglio che il Principe le concede è un risveglio sessuale, signore e signori. Quel tipo di risveglio che può essere regalato alla Donna fertile solo ed unicamente dall' Uomo.

E' la parte che non si vede mai, nelle fiabe.
Quando si conclude il valzer... dove pensate che vadano, il Principe e la Principessa??????



Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget